ArticoliDanni da amianto: per condannare il datore basta la prevedibilità dell’evento.

25 Ottobre 2017by mbersanilaw0
https://www.mbersanilaw.com/wp-content/uploads/2017/10/pericolo_amianto-680x365_c-e1533586396211.jpg

Non è frequente che il Massimo Giudice del Lavoro sia chiamato a pronunciarsi in materia di risarcimento dei danni patiti da un lavoratore dipendente per l’esposizione involontaria ad amianto, o a sostanze tossiche analoghe, durante lo svolgimento della prestazione lavorativa, poiché questa classe di domande fonda generalmente il ricorso al Giudice penale o Civile.

Nelle poche sentenze civili edite che si contano in argomento c’è però una costante, un pensiero condiviso, divenuto ormai regola, in punto di accertamento dell’esistenza del nesso eziologico tra la malattia, o il decesso, del lavoratore e l’ambiente di lavoro, che dismette la valutazione rigorosa e necessariamente sorretta da ragionevole certezza della causalità, tipicamente penale, per accoglierne una molto più attenuata, che ritiene sufficiente, data la particolarità della fattispecie, un qualificato grado di probabilità per ricollegare la malattia all’attività lavorativa svolta in condizioni di lavoro a rischio.

A questo pensiero si allinea anche la recentissima sentenza della Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, n. 19270 del 2 agosto 2017 che, nel risolvere una complessa vicenda processuale avviata dagli eredi di un lavoratore morto per carcinoma polmonare contro le società presso le quali aveva lavorato, ribadisce la sufficienza dell’accertata esposizione lesiva alle polveri d’amianto del lavoratore durante lo svolgimento della prestazione lavorativa, e dunque l’utilizzo del fattore tossico nell’ambiente lavorativo, a fondare la presunzione di colpevolezza del datore di lavoro e dunque la domanda di risarcimento dei danni alla salute correlati ai sensi dell’art. 2087 c.c.

Nel caso di specie (Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 02/08/2017 n° 19270),  per quanto fosse stata esclusa in sede di ctu la efficienza causale esclusiva dell’esposizione all’amianto rispetto all’insorgere della malattia, data la presenze di altre equivalenti cause da sole sufficienti a provocarla (fumo di sigaretta e pregressa malattia polmonare), l’aver aumentato il rischio di contrarre la patologia attraverso la stessa esposizione, e nel non averla impedita, rendono quest’ultima causa altamente probabile della malattia e, quindi, prova sufficiente della  sussistenza del nesso di causalità tra attività lavorativa e danno.

Da ciò ne deriva la responsabilità colposa dell’azienda per non aver adottato tutte le cautele necessarie a prevenire ed evitare il danno alla salute dei propri dipendenti, prima fra tutte quella di non utilizzare l’amianto nelle proprie lavorazioni, dacchè la sua pericolosità era nota sin da prima del D.P.R. n. 1124/1965 con la disciplina del D.P.R. n. 303/1956, cautele, conclude la Corte, che vanno individuate non con riferimento alla specifica patologia ma al generico verificarsi di un danno alla salute del lavoratore, “essendo questo l’evento che l’art. 2087 c.c. ed il D.P.R. n. 303 del 1956 mirano a prevenire.”.

***

A cura di:

mbersanilaw

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Studio Bersani

Studio Bersani, 2013 - P.IVA 04142640236 - All rights reserved.
error: Copyrighted content.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close