Furto auto in parcheggio a pagamento: Il titolare del parcheggio è responsabile anche in presenza di un servizio di vigilanza

Nel caso in cui in un parcheggio a pagamento si verifichi il furto di un auto, il cliente ha diritto al risarcimento del danno anche nell’ipotesi in cui il titolare del parcheggio dimostri di aver predisposto un idoneo servizio di vigilanza.

Questo è quanto stato statuito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 11221/2017 pubblicata il 9 maggio 2017.

Il caso:
Il proprietario di un automobile conveniva in giudizio il titolare di un garage al fine di vedersi riconoscere il diritto al risarcimento del danno economico e del danno psico-fisico (=morale) subito a causa del furto della propria autovettura verificatosi all’interno del parcheggio del garage.
Nel costituirsi in giudizio il titolare del garage eccepiva l’infondatezza della domanda dell’attore e chiedeva di essere autorizzato a chiamare in causa la propria assicurazione al fine di vedersi manlevare in caso di soccombenza

Nell’ipotesi di perdita della cosa depositata in seguito a furto, il depositario non si libera della responsabilità provando di avere usato, nella custodia dell’auto, la diligenza del buon padre di famiglia prescritta dall’art. 1768 cod civ, e cioè di aver disposto un adeguato servizio di vigilanza, ma deve provare a mente dell’art. 1218 cod civ che l’inadempimento sia derivato da causa a lui non imputabile.
Solo in quest’ultimo caso, il parcheggio non risponderà del furto.

***

A cura di:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *