ArticoliIl coniuge che intende separarsi può allontanarsi dalla propria abitazione coniugale?

21 Dicembre 2016by mbersanilaw0
https://www.mbersanilaw.com/wp-content/uploads/2016/12/divorce-img-1280x800.jpg

La Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 25966 del 15 dicembre 2016 torna sulla questione della addebitabilità della separazione in relazione alla decisione del coniuge di lasciare la casa coniugale.

Il caso:

Nell’ambito di un procedimento di separazione personale, la Corte di Appello, in parziale riforma della sentenza di primo grado, rigettava la domanda di addebito del marito e condannava quest’ultimo a versare alla moglie un assegno di mantenimento di € 400,00 mensili.

Su ricorso del marito, la Corte di Cassazione, nell’accogliere l’impugnazione, osserva in punto di doveri coniugali e addebito:

a) per la pronuncia di addebito nella separazione, è necessaria non solo l’esistenza di una violazione degli obblighi tra coniugi nascenti dal matrimonio, ai sensi dell’art. 143 c.c., ma pure quella di uno stretto rapporto di causalità tra tale violazione e l’elemento della intollerabilità della convivenza;

b) diversa è la situazione dell’allontanamento del coniuge dalla casa coniugale, che, se non assistito da una giusta causa, costituisce violazione dell’obbligo di convivenza;

c) pertanto il richiedente non ha l’obbligo di provare il rapporto di causalità tra la violazione e l’intollerabilità della convivenza: sarà l’altra parte a dover provare la giusta causa dell’allontanamento che potrebbe consistere in un comportamento negativo del coniuge o magari in un accordo tra i due coniugi per dare vita, almeno temporaneamente, ad una separazione di fatto, in attesa di una successiva formalizzazione.

Risposta:

Il coniunge che intende separarsi (quindi, ancora non vi è stato alcun provvedimento giudiziale in tal senso), potrà fisicamente abbandonare il tetto coniugale solamente se sussiste giusta causa, quindi una circostanza oggettiva e provabile che rende impossibile la serena convivenza, nella stessa abitazione, con l’altro coniuge.

***

a cura di:

IRAfkKN_

mbersanilaw

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Studio Bersani

Studio Bersani, 2013 - P.IVA 04142640236 - All rights reserved.
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
error: Copyrighted content.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close