Registrare di nascosto una conversazione tra presenti non è reato

La registrazione di una conversazione tra presenti, compiuta di propria iniziativa da uno di questi, non necessita di alcuna autorizzazione da parte del giudice per le indagini preliminari e può essere usata nel processo. E’ quanto emerge dalla sentenza della Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione del 10 giugno 2016, n. 24288.

Costante giurisprudenza afferma come le registrazioni di conversazioni tra presenti, compiute di propria iniziativa da uno degli interlocutori, non necessita dell’autorizzazione di cui all’art. 267 c.p.p., in quanto non rientranti nel concetto di intercettazione in senso tecnico, ma si risolvono in una particolare forma di documentazione che non è sottoposta alle limitazioni ed alle formalità proprie delle intercettazioni.

Le Sezioni Unite hanno evidenziato che, in caso di registrazione di un colloquio ad opera di uno dei partecipanti, o di chi sia ammesso ad assistervi, difetta la compromissione del diritto alla segretezza della comunicazione, il cui contenuto viene legittimamente appreso solo da chi palesemente vi partecipa o assiste.

Di conseguenza, l’acquisizione al processo della registrazione dei colloqui può legittimamente avvenire attraverso il meccanismo di cui all’art. 234, comma 1, c.p.p., che qualifica come “documento” tutto ciò che rappresenta fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo; il nastro che contiene la registrazione altro non è che la documentazione fonografica del colloquio, la quale può integrare quella prova che diversamente non potrebbe essere raggiunta e può rappresentare una forma di autotutela e garanzia per la propria difesa, con l’effetto che una simile pratica finisce col ricevere una legittimazione costituzionale (Cass. Sez. Un., 28 maggio 2003, n. 36747).

Nella fattispecie la registrazione è stata effettuata dall’imputato di propria iniziativa e senza l’ausilio di strumentazione fornita dalla polizia giudiziaria, con conseguente legittima acquisizione della medesima al processo.

***

A cura di:

IRAfkKN_

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *